Webinar di Letteratura

Una serie di webinar tenuti da Roberto Carnero, Giuseppe Iannaccone e Mauro Novelli su autori, correnti e temi della letteratura italiana del Novecento.

  1. Guido Gozzano alle origini della poesia italiana del Novecento – Spesso si pensa a Gozzano come a un poeta un po’ retrò, un po’ passatista e magari anche un po’ "polveroso". È l’immagine che lui stesso, in parte, ha contribuito a divulgare. Eppure la critica ha da tempo messo in luce il suo ruolo di primo piano nella storia della poesia italiana del Novecento: Gozzano come iniziatore della poesia contemporanea. Altri poeti che verranno di lì a poco saranno senza dubbio più innovativi sul piano dei moduli espressivi (Ungaretti, Montale, Saba, Quasimodo...), ma Gozzano, rivisitando e talora persino parodiando la tradizione in maniera divertita e scanzonata, fa da apripista alle esperienze successive, soprattutto a quelle più sperimentali.
  2. Il Futurismo: un’avanguardia europea – Giuseppe Iannaccone propone un percorso didattico all’interno del Futurismo, esaminandone gli obiettivi, l'ideologia, la poetica e la produzione nei diversi campi della creatività, secondo una prospettiva interdisciplinare. Tra le grandi avanguardie del Novecento, il Futurismo è stato un movimento capace di modificare il modo di intendere l'arte e il rapporto tra essa e la società promuovendo con aggressività un linguaggio, un'estetica, una simbologia destinati a influenzare le correnti di rinnovamento più avanzate della cultura internazionale novecentesca.
  3. Morire per le idee. Vita letteraria di Pier Paolo Pasolini – Pasolini ha attraversato, forse più di ogni altro intellettuale del Novecento, molte forme di esperienze letterarie e artistiche: è stato poeta, romanziere, autore teatrale, regista cinematografico, critico letterario, giornalista. Leggere e conoscere Pasolini significa dunque aprire una "finestra" sul contemporaneo, per sviluppare negli studenti importanti competenze culturali e civili.
  4. Lo scrittore giovane Pier Vittorio Tondelli e la nuova narrativa italiana – A partire dagli anni Ottanta, dopo 
un decennio di stasi e si direbbe di preparazione,
 si assiste in Italia all'avvento di una ricca produzione di opere scritte da autori giovani che raccontano storie di giovani.
 È la cosiddetta “nuova narrativa”, che determina un sostanziale svecchiamento delle forme letterarie tradizionali (comprese le declinazioni postmoderne e neoavanguardistiche). Principale protagonista di questa irripetibile stagione creativa è stato Pier Vittorio Tondelli (1955-1991), non a caso considerato una delle icone culturali più rappresentative del decennio, ma anche uno degli scrittori più significativi dell'ultimo mezzo secolo. Nei suoi libri l’adolescenza e la prima età adulta sono rappresentate come un passaggio difficile, in cui la tensione verso la libertà si accompagna a un profondo senso di smarrimento. Da Tondelli prende le mosse, anche attraverso l'opera di scouting da lui condotta con il Progetto Under 25, una corrente di narrativa giovanile che proseguirà nei decenni successivi.
  5. Come si racconta la guerra? – La letteratura italiana del Novecento ha gettato un nuovo sguardo sui conflitti bellici. Lo dimostrano i migliori poeti usciti dalla Grande guerra, come Ungaretti, e gli scrittori che hanno narrato le vicende della Seconda guerra mondiale, a partire da Calvino, Fenoglio, Rigoni Stern.
  6. Come si racconta il lavoro? – Dalle saline siciliane alle fabbriche piemontesi, dall'alienazione negli uffici sino al precariato dei callcenter. Come la narrativa italiana del Novecento ha affrontato un tema difficile e complesso.

Per assistenza: lun-ven 9-18, tel. 055 506.2424, assistenzadbook@giunti.it

Parole chiave: