Attiva questo contenuto

Inserisci il codice di attivazione che hai ricevuto al momento dell’acquisto e inizia subito a guardare il video.

Clima 2030. Educazione civica e sostenibilità a scuola a partire dalla geografia

Guarda il primo video e accedi per vedere il pacchetto completo

ACCEDI o, se hai ricevuto un codice, inseriscilo

Webinar – Insegnare geografia

Un ciclo di webinar che ha per scopo quello di liberare la Geografia dalla patina grigia che anni di insegnamento esclusivamente riferito alla sua funzione descrittiva gli hanno conferito. Con Renata Allegri e Catia Brunelli, docenti ed esperte di Didattica della Geografia, e Gian Vincenzo Fracastoro e Patrizia Lombardi, autori del nuovo volume CLIMA2030. Percorso di educazione civica per un futuro sostenibile, abbinato al corso Treccani Giunti TVP Geo2030.

  • Clima 2030. Educazione civica e sostenibilità a scuola a partire dalla geografia - Con Gian Vincenzo Fracastoro e Patrizia Lombardi. A novembre 2021, in occasione dello svolgimento della COP-26 a Glasgow, l’allarme sui cambiamenti climatici è tornato in primo piano e ha avuto grande risonanza sulle prime pagine di tutti giornali. Ondate anomale di calore, cicloni tropicali nel Mediterraneo, grandi fiumi prosciugati da lunghi periodi di siccità, alluvioni devastanti e altre notizie simili, col loro corredo di danni materiali e vittime, rendono urgente la costruzione di una cultura della sostenibilità ambientale delle giovani generazioni. Come spiegar già a partire dalla scuola secondaria di primo grado, in modo costruttivo e scientifico, quali sono le cause prime di questi fenomeni, le conseguenze potenziali della sostanziale indifferenza che ancora caratterizza molti politici dei principali Paesi della Terra nonché le soluzioni che possono e devono essere adottate per uscire da questa emergenza?
     
  • Quale geografia? Questioni di metodo 1 – Renata Allegri e Catia Brunelli illustreranno metodo e attività per un percorso didattico dedicato alla prima classe della scuola secondaria di primo grado. Il lavoro laboratoriale e interdisciplinare è suddiviso in schede e fasi guidate per docenti e alunni, fasi che partono dall’osservazione, con la successiva rilevazione dei dati, la comparazione di questi con tutti quegli strumenti utili agli studenti per comprendere, mettere in discussione, interpretare e visualizzare i dati stessi nei molti modi che forniscono oggi gli approfondimenti. Questo tipo di didattica attiva mira a far acquisire agli studenti “l’occhio del geografo”, cioè una mente geografica pronta a riconoscere da diverse prospettive le complessità della Terra e dei suoi abitanti.
     
  • Insegnare e apprendere la geografia. Questioni di metodo 2Renata Allegri e Catia Brunelli proseguono nel mostrare la loro innovativa proposta di didattica della Geografia per la scuola secondaria di primo grado. Partendo dall’osservazione diretta di un oggetto geografico vicino all’esperienza degli alunni, si proseguirà con attività di localizzazione e d’analisi, anche interdisciplinare, del paesaggio. Verranno illustrate le fasi incentrate sulla ricerca delle relazioni verticali e orizzontali che ogni componente del paesaggio stabilisce con gli elementi del sistema territoriale e quelle dirette alla rilevazione e al superamento delle sue criticità mediante una progettazione sostenibile e in un’ottica glocale. Nel corso del webinar verranno approfonditi anche metacognizione, prove sulle conoscenze, abilità e competenze, per condividere con i partecipanti strumenti di verifica coerenti con gli esiti più attuali della ricerca scientifica.

Sfoglia il volume CLIMA2030. Percorso di educazione civica per un futuro sostenibile firmato da Gian Vincenzo Fracastoro e Patrizia Lombardi

La visualizzazione dei video è gratuita e non necessita di codici, ma soltanto dell'accesso con le proprie credenziali Giunti T.V.P. (www.giuntitvp.it).
Se non sei registrato, effettua la registrazione su www.giuntitvp.it per accedere alla Web TV.

Per assistenza: lun-ven 9-18, tel. 055 506.2424, assistenzadbook@giunti.it

Parole chiave: